razza barboncino

Come si comporta il cane barboncino con i bambini?

Come si comporta il cane barboncino con i bambini?

Come si comporta il cane barboncino con i bambini?

Il rapporto di un cane barboncino con i bambini è immediato, al primo sguardo l’empatia che caratterizza questa razza è coinvolgente ed ogni bambino si sente già il suo padroncino, saranno un’accoppiata per sempre, saranno compagni di giochi e avventure, si proteggeranno a vicenda, sempre, si saluteranno per primi dopo un’assenza anche breve.

È un’amicizia che sgorga naturale, è un’amicizia a prima vista; al bambino non interessa se cucciolo o adulto, l’amicizia che ne deriva è speciale.

Il rapporto tra un cane barboncino con i bambini si incrementerà col tempo, specialmente quando il cucciolo sarà educato/addestrato per bene e dimostrerà tutta la sua intelligenza nell’apprendere sempre cose nuove e giochi da consumare con i bambini.

Certo le regole vanno impartite con pazienza e con il massimo rispetto dovuto all’amichetto a quattro zampe, per evitare danni alle cose o incidenti alle persone e per annullare possibili incomprensioni.

Dubbi e premesse da fare quando si prende un cucciolo

Anche per il bambino è doveroso capire che il cagnolino non è un giocattolo, è fondamentale insegnare al bambino il massimo rispetto verso il cucciolo e come comportarsi nei suoi confronti.

Queste regole vanno inculcate dai genitori verso il bambino i quali devono essere sempre presenti nei momenti di gioco anche se il barboncino non è di indole aggressiva; una buona educazione verso un animale è significativa perché insegnano al bambino come prendersi cura di un altro essere vivente nel rispetto della reciproca diversità.

Capita che pur avendo presa la decisione di adottare un cucciolo di barboncino per la propria famiglia, alcuni genitori si pongano la domanda se quella determinata razza sia quella giusta e se possano crearsi problemi di compatibilità tra cane e bambini.

Risponde positivamente a questa domanda fugandone i dubbi, il cane barboncino con i bambini si comporterà benissimo, per prima cosa la tipologia della razza offre alla scelta tre possibilità, il barboncino standard che è il più grande; il barboncino nano che è più piccolo del precedente e il barboncino toy che è ancor più piccolo.

Rapporto del cane barboncino con i bambini

Queste tre tipologie differiscono tra di loro solamente per la taglia ma sono perfettamente simili per tutte le altre peculiarità in quanto a brio, gioiosità, intelligenza, capacità di adattamento, propensione all’addestramento, e, sono i cagnolini più adatti e perfetti per le famiglie con bambini.

La buona norma però ci consiglia un graduale inserimento del barboncino all’interno della famiglia, non bisogna subito offrirlo al gioco dei bambini, si deve creare con il tempo un rapporto corretto tra di loro, il cucciolo di barboncino che è di indole buona faciliterà questo compito che deve essere svolto dai genitori sotto la cui stretta sorveglianza deve avvenire ogni scambio tra cucciolo e bambino, rasserenare il bambino per ogni movimento brusco dell’animale e calmare il cucciolo se il bambino lo strattona più del dovuto.

Si sa che i bambini cercano di emulare i gesti e i comportamenti del genitore e dunque un genitore attento e saggio non impiegherà molto a dimostrare al bambino il giusto modo di porsi nei confronti dell’animale.

Buone regole per un buon rapporto cane/bambino

Qualche buona regola è fondamentale per creare un buon rapporto tra un cane barboncino con i bambini presenti nel nucleo familiare, ma contemporaneamente è bene informarsi sulle caratteristiche del cane ed essere sempre aggiornati su vari approfondimenti che gli esperti consigliano.

Per prima cosa va spiegato ai bambini, ripetendolo più volte al giorno, che il cane, nel nostro caso il barboncino, che sia cucciolo o adulto è un essere vivente e non un giocattolo.

Spiegare che non tutto è permesso e che bisogna avere rispetto del cane, che non va torturato, preso per le zampe e lasciato penzolare, che non va picchiato se non capisce un comando, che non capirà ugualmente se si strilla o gli si urla nelle orecchie, il barboncino è sensibilissimo e potrebbe offendersi, proprio così.

Insegnare al bambino come comportarsi

Insegnare ai bambini che la ciotola del cibo o dell’acqua non va nemmeno sfiorata perché il cane la considera cosa personale e potrebbe reagire male, a ragione se qualcuno la sottrae dal posto dove si trova e dove sa che gli verrà somministrato il cibo.

Altri insegnamenti fondamentali per creare la fiducia tra bambini e barboncino sono i seguenti: -non disturbare il cane che dorme, famoso proverbio; -non disturbare il cagnolino se è assorto in qualche cosa o in qualche pensiero; -non spaventarlo sorprendendolo alle spalle, potrebbe reagire; -le carezze vanno fatte solo se il cane ti ha visto e riconosciuto.

Fintanto che i bambini non sono più grandicelli e il rapporto con il cane è diventato solido, non bisogna mai lasciarli da soli fidandosi della piccola taglia del cagnolino.

I bambini devono capire sin da subito che il barboncino essendo molto socievole si considera immediatamente membro della famiglia e come tale deve essere considerato, ma il suo ruolo deve rimanere quello di cane e va trattato come tale.

Il barboncino è un cane di indole buona e dotato di mitezza e sensibilità e si adatta sin da subito alle regole della famiglia.

I giochi da fare insieme

Il barboncino è un cane di indole buona e dotato di mitezza e sensibilità e tali doti le trasferisce ai bambini che le acquisiscono insieme il senso di responsabilità.

Non a caso il cane è l’animale più amato e voluto dai bambini, proprio per l’empatia immediata che si crea e per la pazienza e la docilità con cui il cane, il barboncino in particolare, accetta gli eccessi cui sono portati i bimbi durante il gioco.

I giochi preferiti sono quelli del riporto di un oggetto lanciato lontano, rispondere ad un richiamo, dare la zampa o stare seduti e altri ancora, o correre a perdifiato per il parco, o farsi rincorrere dal cane quando si è in bici, tirare da parti opposte un calzino pieno di stracci o di carta.

Altri giochi che possono fare insieme sono quelli soliti tra piccoli bambini che lanciano la palla e il cagnolino che la riporta, questo avviene quando il bambino è già in grado di interagire con il cagnolino.

Giocare a nascondino con il cane, in età del bimbo già più grande, nascondersi alla vista del cane e farsi trovare con piccoli richiami, oppure nascondere crocchette e invitare il cane a cercarle.

Cerchi altre informazioni riguardanti il Barboncino?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *