razza maltese

Ecco le caratteristiche per riconoscere un cane maltese puro

Ecco come riconoscere un cane maltese puro

Ecco le caratteristiche per riconoscere un cane maltese puro

In questo articolo andremo a parlare di come riconoscere un cane maltese puro, e di quali sono le sue carattristiche principali

I cani maltesi sono cani piccola taglia, sono belli, giocherelloni e molto vivaci, il padroncino deve sapere che sarà tenuto a rispettare le esigenze del suo piccolo amico, giocare con lui, passar del tempo con lui anche con passeggiate e non considerarlo un giocattolo da tenere sempre sulla piega del braccio.

I maltesi sanno bene inserirsi in una famiglia e sono molto amici dei bambini.

Qui di seguito se ne descrivono le caratteristiche principali per saper riconoscere il cane maltese puro.

Esse sono principalmente le caratteristiche fisiche, il certificato di originalità o Pedigree, gli allevatori ENCI.

Caratteristiche fisiche del cane maltese puro

Le dimensioni

Le dimensioni del cane maltese puro, ossia la taglia, in genere va da 20 a 25 centimetri e il peso si aggira intorno ai 4 chilogrammi.

La testa

La lunghezza della testa del cane maltese puro ha un valore pari al rapporto di 6/11 dell’altezza del cane al garrese.

Gli occhi

Gli occhi del cane maltese puro se completamente aperti appaiono grandi e i margini della palpebra superiore ed inferiore sono distaccati da un’apertura trasversale (rima) che tende alla forma rotonda.

Le palpebre devono essere ben in aderenza con il bulbo oculare che si presenta sporgente, gli occhi sono posizionati sotto la fronte e se guardati di fronte lascino intravedere la sclera, il colore è ocra intenso mentre le rime delle palpebre sono nere.

Le orecchie

Le orecchie del cane maltese puro hanno la forma di un triangolo non esattamente regolare, e la larghezza è proporzionate ad un terzo della lunghezza, sono pendenti e a contatto con i laterali della testa.

La bocca

La bocca del cane maltese puro ha mascelle che combaciano perfettamente, le arcate dentarie hanno chiusura a forbice, ossia il morso è chiuso ma i denti superiori coprono quelli inferiori.

Le labbra superiori si congiungono perfettamente e quelle inferiori e sono caratteristicamente pigmentate di nero.

Il collo

Il collo del cane maltese puro deve evidenziare il limite della nuca ben visibile nonostante l’abbondante pelo.

La linea del profilo superiore si presenta arcuato con lunghezza che corrisponde circa a metà del valore dell’altezza misurata al garrese.

Il corpo

Il corpo del cane maltese puro ha forma rettilinea sin dove comincia la coda e il garrese risulta un po’ più innalzato rispetto alla linea che forma il dorso dell’animale; mentre la groppa deve presentarsi molto più larga e allungata; il suo torace i presenta ampio e deve avere la linea al di sotto di quella formata dai gomiti.

La coda

La coda del cane maltese puro è il prolungamento della groppa lungo la sua linea, ha conformazione grossa all’attacco e va a rastremare fino alla punta, con una spirale che andrà a ricadere toccando la groppa.

Gli arti

Gli arti anteriori del cane maltese puro, complessivamente devono presentarsi ben strutturati e ben congiunti al tronco e perpendicolari al piano d’appoggio.

Gli arti posteriori del cane maltese sono paralleli tra di loro e se osservati dal lato posteriore hanno andamento verticale sino all’appoggio.

I piedi

I piedi del cane maltese puro sono rotondeggianti e presentano dita unite e arcuate e il pigmento nero deve essere riscontrato sui cuscinetti plantari e digitali pigmentati, le unghie sono anch’esse di colore nero.

Il mantello

Il mantello del cane maltese puro deve presentarsi fitto e lucente, lungo e con toni brillanti, deve ricadere sui lati ed avere una consistenza setosa con assenze di riccioli o ondulazioni, non ha sottopelo.

Il colore è esclusivamente bianco puro, è comunque ammessa una variante color avorio.

Il pedigree: da chi viene rilasciato

Il pedigree è un certificato di registrazione in uno dei libri genealogici.

I certificati di iscrizione vengono rilasciati dall’ L’ENCI che sta per Ente Nazionale della Cinofilia Italiana.

Questo organismo, strutturato su diverse sedi territoriali, aiuta i proprietari dei cani di razza fornendo informazioni su cibo, vaccinazioni, benessere degli animali, standard di allevamento e altro ancora.

Rilascia i pedigree per i cuccioli.

Offre anche sconti sui servizi di assistenza veterinaria in alcuni paesi.

Tutti questi servizi sono gratuiti o disponibili con uno sconto per i membri iscritti all’ENCI.

Il certificato attestante il pedigree è però emesso e stampato esclusivamente nella sede centrale dell’ENCI e da questo trasmesso alla sede periferica competente ove il proprietario del cucciolo è iscritto.

pedigree: le informazioni che contiene al suo interno

Nel pedigree si possono leggere tutte le notizie relative al cucciolo, i dati anagrafici, la razza, il suo nome, il colore, se è dotato di microchip, il numero di iscrizione a uno dei registri sopra detti, la sua ascendenza, eventuali titoli vinti dai suoi genitori o nonni derivanti da concorsi di bellezza o di lavoro, i risultati ottenuti in prove di abilità canina, controlli sanitari.

E ancora il nome dell’allevatore, del proprietario o di proprietari precedenti.

Il libro genealogico è consultabile anche online dal sito dell’ENCI, e si possono ottenere tutte le informazioni che si desiderano sui cani di razza, ed è importante per la rintracciabilità in caso di furto dell’animale o di smarrimento e ritrovamento in altro luogo.

Il certificato genealogico, certifica, appunto, che l’inserimento nei registri è avvenuto perché sono state rispettate tutte le procedure sancite nella normativa vigente emanata dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, e in Italia è vietato vendere cuccioli con l’appellativo “cane di razza” in mancanza del pedigree per come stabilito nel Decreto legislativo n.529 del 30 dicembre 1992. 

In caso di furto dell’animale o di smarrimento e ritrovamento in altro luogo, è possibile la sua rintracciabilità.

Gli allevatori ENCI

Ogni allevatore che ambisce ad essere considerato allevatore ENCI è obbligato a fare riprodurre cani senza patologie nascoste o manifeste o ereditarie.

Tutti i cani sprovvisti di pedigree rilasciato dall’ENCI non sono considerati cani di razza, anche se rispondono a tutte le caratteristiche del cane di razza e pertanto sarà escluso da ogni gara o concorso ufficiale.

Per mantenere la purezza del cane maltese gli allevatori seri e scrupolosi non fanno mai accoppiare i loro cani con altri senza pedigree, perché non ne conoscono tutti quei requisiti fondamentali che abbiamo sopra elencati.

Per cui è importantissimo fidarsi di allevatori onesti e certificati, il cucciolo di razza deve sempre avere il pedigree che ne attesta la purezza e l’originalità e gli allevatori seri lo rilasciano sicuramente compreso nel prezzo.

Gli allevatori per ottenere i visti dall’ENCI pagano delle tariffe che per le diverse razze sono sempre consultabili sul sito www.enci.it.

Cerchi altre informazioni riguardanti il cane Maltese?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *