razza maltese

Le caratteristiche del maltese maschio e maltese femmina

Le caratteristiche del maltese maschio e maltese femmina

Le caratteristiche del maltese maschio e maltese femmina

In questo articolo tratteremo delle principali caratteristiche del maltese maschio e della maltese femmina, vi aiuteremo a comprendere le differenze che ci sono tra un esemplare maschio e un esemplare femmina.

La scelta del sesso del cucciolo non è cosa banale, chi vuol essere amico del cagnolino che terrà in casa sa di dover essere un buon padrone e quindi è una domanda che va fatta in base alle proprie predisposizioni, al tempo che può dedicare al cane in base ai propri tempi e alle proprie esigenze lavorative.

Naturalmente gli esperti ci diranno che la scelta del sesso non è fondamentale anche se rilevante e hanno ragione dal punto di vista sentimentale, infatti ogni cucciolo porta una ventata di allegria in ogni famiglia e il rapporto che si instaura va oltre la scelta del sesso del cucciolo, comunque è una scelta che va fatta.

Dal punto di vista caratteriale e comportamentale la scelta di un maltese maschio o femmina non determina grosse differenze così come la gestione giornaliera del cane.

Anche i cani hanno le proprie esigenze

I cani possono offrire compagnia, amore e lealtà ai loro proprietari, tuttavia, l’impegno di tempo necessario per prendersi cura di loro varia.

Gli animali domestici sono una parte estremamente importante della nostra vita quotidiana, è quindi fondamentale prendere in considerazione le abitudini e le aspettative, lo stile di vita che si conduce e se questo è congruente con la nuova presenza, quella di un animale domestico, in famiglia.

Maltese maschio o femmina: caratteriste da considerare

La prima considerazione da fare è quella di osservare come varia la taglia o stazza in base al sesso dell’animale, la maltesina è generalmente più piccola dei maschietti e anche meno forte ma è più gentile.

Quindi esiste una piccola differenza in termini di peso e anche di vivacità.

Il maltese maschio è più giocherellone e quindi risulta più vivace e competitivo tanto da farli esagerare con movimenti a volte irruenti, mentre la femmina, pur essendo sempre giocherellona è più calma e docile e più facile da gestire, ma bisogna considerare che ciò non vale in senso assoluto, ogni cane ha le sue peculiarità.

È importante ricordare che da sempre i maschi sono considerati più territoriali e dominanti, in realtà anche le femmine sanno essere protettive nei confronti del loro territorio e delle persone, per cui in questo non esistono differenze.

Una differenza non di poco conto è quella per cui il maltese maschio tende a marcare il suo territorio e lo fa anche in casa nei primi tempi della convivenza in famiglia, con spruzzi su mobili e altri oggetti, per evitare il protrarsi di questa fastidiosa pratica occorre sin da subito addestrarlo ed educarlo indicandogli un posticino dedicato e riservato lontano dalle ciotole del cibo e dell’acqua, con il posizionamento di un materassino o una traversina, il maltese è intelligente e capirà quasi subito dove fare i bisogni.

Maltesi con Pedigree

Il cane maltese è da sempre considerato un cane di compagnia ed è annoverato tra i cani di razza.

Da quello che è riportato sui testi non sembra esserci differenza notevole tra il maschio e la femmina per quanto riguarda l’affetto che possono trasmettere, cioè i loro caratteri sono uguali.

La taglia non dipende dal sesso dell’animale, possono esserci femmine più o meno grandi come per i maschi.

Per cui le differenze tra i due generi sono altre e nel seguito ne elencheremo alcune.

Se si sceglie un maltese maschio bisogna verificare che le ghiandole genitali siano entrambe scese nello scroto, se si nota che ne è scesa solo una significa che l’altra è nell’addome e potrebbe successivamente verificarsi un danno grave per l’animale e dover intervenire chirurgicamente, queste disfunzioni potrebbero precludere la partecipazione a concorsi e mostre se il padrone ne è appassionato, ma cosa più importante questa anomalia o difetto genetico potrebbe trasmettersi sui suoi futuri cuccioli.

La maltesa femmina

La maltese femmina è un poco più complessa da gestire, infatti per due volte l’anno, iniziando da quando avrà raggiunto l’età tra gli otto/nove mesi, va in calore che si evidenzia con un flusso mestruale che dura circa 10/11 giorni, per cui è bene attrezzarsi per evitare che la cagnolina lasci segni evidenti su divani o letti o tappeti oppure lasci tracce sul pavimento.

Alla fine di questo periodo interviene quello della fecondità e sarà disponibile e propensa ad incontrare il maschio.

In questo lasso di tempo è consigliabile evitare le passeggiate ai giardinetti e lasciala libera o da sola, le sue emanazioni ormonali potrebbero attirare l’interesse di qualche altro cagnolino.

La gestione del calore

Per quanto suddetto quindi la scelta del cane maltese maschio o femmina dipende esclusivamente dalle caratteristiche fisiche connesse al momento del calore.

Come sopra ricordato la femmina va in calore ogni sei mesi e quindi due volte l’anno, e dunque bisogna attrezzarsi per essere controllata affinché i cagnolini maschi non si interessino a lei.

Come detto l’unico svantaggio è legato all’igiene dovuto alle perdite di sangue, in misura più o meno abbondante in funzione della taglia, della durata mediamente di una decina di giorni; se invece il cane è maschio, in questo periodo sente l’impulso sessuale ed è sensibile all’odore ormonale emanato dall’altro sesso e bisogna stare attenti che durante le corse ai giardinetti non si smarrisca correndo dietro a qualche cagnolina.

Identicamente se si possiede una casa con giardino è bene precludere ogni via di fuga nei periodi di calore.

Se in casa c’è già un cane?

Può capitare che si decida di prendere una cane quando in casa ve ne è già uno, quale sesso è più adatto per la scelta del secondo cane?

Gli allevatori esperti consigliano quasi sempre di scegliere un cane del sesso opposto a quello che già si detiene, ma anche due femmine possono essere portate ad andare d’accordo se hanno dimostrato un carattere docile e senza segni di aggressività e in ogni caso meglio se cucciole oppure con grande differenza d’età fidandosi dell’istinto materno della più anziana.

Nel caso in cui è un maschio ad essere già inserito in una famiglia bisogna valutare ugualmente se il nuovo cagnolino sarà un altro maschio in base alla razza ed all’età.

Per entrambi i sessi bisogna pure tenere conto se i cani sono sterilizzati e non castrati, come si suole dire “interi”, in questo caso la socializzazione tra maschio e maschio è più difficile che non tra femmina e femmina.

Cerchi altre informazioni riguardanti il cane Maltese?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *